Cinque strategie di marketing per un e-commerce efficace

Hai un e-commerce ma non stai ancora ricevendo i risultati desiderati? Vorresti scoprire cinque strategie di marketing per un e-commerce efficace?

Oppure hai appena aperto il tuo bellissimo sito web, studiato appositamente per fare colpo sull’utenza grazie a un design accattivante, ma adesso non sai come muoverti per poter riuscire ad avere le vendite prefissate?

Allora sei nel posto giusto!

Vediamo insieme le strategie.

In un mondo che si muove alla velocità della luce dal punto di vista tecnologico e di informazione, occorre rimanere sempre al passo con gli aggiornamenti onde evitare di perdere tempo e conversioni significative.

Spesso si è appena riusciti ad acquisire una capacità o metodologia nuova che un’altra innovazione sta già arrivando a prendere posto a quella appena immagazzinata e occorre ricominciare tutto daccapo.

Il Digital Marketing è un universo in continuo divenire e la possibilità di fare strada, di farsi conoscere e di incrementare la visibilità è dietro all’angolo e alla portata di tutti – ed è proprio questo il bello.

La cosa fondamentale è riuscire a immergersi a pieno nelle novità e nelle strategie elaborate ad hoc per il proprio tipo di attività online.

E, soprattutto, non avere timore di chiedere aiuto a chi potrebbe essere più aggiornato e con qualche competenza in più.

Vediamo insieme, dunque, quali possono essere le strategie di marketing idonee a migliorare la prestazione del tuo e-commerce e arrivare, così, ad avere delle entrate soddisfacenti.

Strategie di marketing per e-commerce: dove iniziare?

La prima cosa da dover fare appena aperto il proprio negozio digitale, è quello di pubblicizzarsi e farsi conoscere in ogni modo possibile.

Essendo parte integrante di un piano business più ampio a riferimento del mondo del web, quale potrebbe essere il modo migliore se non fiondarsi sull’ apertura di canali e pagine aziendali?

Ebbene si, sto parlando proprio di loro, sempre presenti: i Social Network.

Vediamo insieme, dunque, quali possono essere le strategie di marketing idonee a migliorare la prestazione del tuo e-commerce e arrivare, così, ad avere delle entrate soddisfacenti.

Strategie di marketing per e-commerce: dove iniziare?

1- Social Media Marketing, arriviamo!

Cinque strategie di marketing per un e-commerce efficace

Sembra banale e scontato, ma se si vuole cominciare a farsi conoscere dall’utenza presente nell’alveare digitale, occorre irrompere in quelli che sono i mezzi più utilizzati dalla maggioranza delle persone.

E non solo per lavoro, bensì anche per svago.

A tal proposito è facile desumere che sia semplice attirare l’attenzione di un pubblico profilato che sta navigando con la speranza di trovare qualcosa di interessante, in un momento dedicato interamente al rilassamento.

Video, foto, contenuti: bisogna essere focalizzati sul voler attirare la curiosità di potenziali clienti che, però, possano essere realmente interessati a ciò che hai intenzione di proporre. 

Facebook e Instagram sono nella TOP TEN dei social maggiormente utilizzati allo scopo, aventi anche al proprio interno la vetrina prettamente dedicata agli e-commerce.

Youtube è il re dei video, imbattuto e sempre presente in qualsiasi genere di strategia di marketing che voglia essere vincente. 

Non solo, mentre Facebook consente di fidelizzare stakeholder già esistenti, Instagram ha la possibilità di acquisirne di nuovi grazie alla sua incisiva presenza sui motori di ricerca, ottenibile mediante gli hashtag: cancelletti che racchiudono tematiche mirate, ricercate direttamente dagli utenti sulla base delle loro necessità.

Il classico Inbound Marketing a lavoro. 

Insomma, l’azione continua sui Social Network consente non solo di riuscire a soddisfare clienti già esistenti con nuove tematiche, novità e aggiornamenti, ma anche di attirarne di nuovi. 

2Content is the king

Sempre lui, intramontabile e insostituibile contenuto.

Ovunque esso sia e di qualsivoglia natura appartenga.

Il contenuto è la parte fondamentale, quella che consente di essere trovati dall’utenza direttamente sui motori di ricerca mediante indagini di accurate parole chiave a riferimento del settore interessato e, se eseguita nel miglior modo possibile, capace di incrementare e migliorare le vendite.

La parola d’ordine è: aggiornamento.

Deve essere costante, continuo e colmo di novità che possano essere accattivanti e in linea con il proprio business. 

Tutto deve essere studiato a puntino ed elaborato, non solo sulla base di quello che si ha intenzione di rendere noto, ma anche tenendo in considerazione la Keyword Research e l’ottimizzazione di tali parole chiave su tutto il sito web.

Un esempio? La descrizione degli oggetti, le didascalie delle immagini, le foto stesse, la pagina relativa all’about us o quella esplicativa la propria missione. 

Ogni cosa deve essere elaborata e modificata nel tempo, calendarizzata e ottimizzata.

Ciò che viene consigliato è quello di implementare la sezione relativa al blog e, quindi, vagliare tutte gli argomenti di particolare interesse, editare vecchi articoli, crearne di nuovi in maniera pressoché perpetua. Un vero e proprio lavoro che necessita di un professionista. 

Per prima cosa è bene indirizzare le energie sulla creazione di un calendario editoriale: sia per quanto riguarda il blog, ma anche per quanto concerne i social.

Le pubblicazioni non sono istintive, dettate dal caso o dai sentimenti provati in un determinato istante, ma è elaborata, approfondita e programmata considerando il settore, le necessità di vendita e di volumi di ricerca. 

E l’orario di pubblicazione?

Anche questo ha una sua rilevanza. 

I contenuti di rilievo e di valore sono fondamentali, ma che utilità avrebbero se non ci fosse nessuno a guardarli? Anche in questo caso è necessaria uno studio preciso e un’organizzazione mirata su quelle che sono le abitudini ‘tipo’ degli utenti, leggere i volumi di ricerca attraverso strumenti appositi, ma soprattutto l’orario di traffico prediletto. 

3- Ottimizzazione dispositivi mobile

È un dato di fatto che, ormai, ogni tipo di azione venga prevalentemente effettuata tramite un dispositivo mobile

È dimostrato che il traffico generato da tali device stia incrementando sempre di più: alcuni studi hanno reso noto che 9 utenti su 10 effettuano accessi online utilizzando i propri smartphone e che la maggior parte delle volte procedono proprio all’acquisto in tale modalità, per una questione di comodità e praticità. 

Spesso si incappa proprio nell’errore di non ottimizzare un sito web per tali strumenti, andando incontro a una perdita sicura.

4- Landing page e call to action vincenti

Una pagina di atterraggio, tradotta in italiano, deve avere un’attrazione totale, tale da condurre direttamente il visitatore, esattamente, dove lo vorremmo.

Occorre elaborare contenuti che abbiano come obiettivo quello di offrire soluzioni ai problemi del visitatore.

Risoluzioni che elaborate a seguito di analisi effettuate in precedenza sul traffico di ricerca delle parole chiave che rappresentano, appunto, le necessità degli utenti. 

Empatia, voglia di aiutare e di proporre alternative semplici da attuare, ecco quale deve essere il compito primario. 

Promozione? Elenco dei benefici nell’effettuazione dell’acquisto?

Informazioni fornite allo scopo di fidelizzare clienti già esistenti?

Benissimo! Tutte idee per una landing page vincente. 

È bene impegnarsi al massimo per questa fase del proprio progetto, in quanto la landing page è semplicemente il passo precedente a quella che dovrebbe essere una conversione sicura. 

La call to action, invece, è lo step ancora prima.

Solo grazie a questo piccolo accorgimento può avvenire il richiamo dell’attenzione dell’utente e mediante esso la sua azione verrà veicolata sulla base dell’interesse sviluppato. 

Un ulteriore consiglio?

Inserisci una call to action in quasi ogni pagina e post pubblicato, incrementerai le possibilità di riuscita!

5- Crea una tua offerta! 

Le offerte attirano, c’è poco da fare.  

Magari i tuoi clienti fanno un giro sul tuo e-commerce, vedono qualcosa che stimola la loro voglia di acquisto, ma per mille motivi non procedono inserendo quanto visto nel carrello o nella lista dei desideri, in attesa perenne.

Poi però, dopo qualche tempo, vedendo un’offerta valida possono procedere all’acquisto.

Come?

Regalando qualcosa con l’acquisto, inserendo uno sconto se necessario se non sono mai stati clienti, insomma, un incentivo per fare quell’azione. 

Come vedi le strategie per migliorare l’e-commerce sono molteplici e non sono tutte qui, bensì ne esistono moltissime altre!

Sara Iannone

(Visited 1 times, 1 visits today)

3 Comments

  1. Gian Piero 25 Febbraio 2020 at 12:13

    Buongiorno Sara, ho letto diversi articoli scritti da te, ho anche comprato un eBook sul digital marketing , devo farti i miei complimenti, si vede e si percepisce la tua competenza e passione per quello che fai, i tuoi consigli sono preziosi ma purtroppo per quanto mi riguarda ( per colpa mia) infruttuosi, ho infatti molta difficoltà con i prodotti digitali e la tecnologia in generale. Ma ti ringrazio in ogni caso, e spero prima o poi di convertire in risultati concreti i tuoi preziosi consigli.

    Cordiali saluti
    Gian Piero

    Reply
    1. Sara Iannone 25 Febbraio 2020 at 17:29

      Ciao Gian Piero, grazie mille per aver commentato questo articolo. Investo tempo, cuore e passione nel mio lavoro, questo probabilmente viene percepito. Nel tuo caso, come nel caso di molti, credo sia necessaria una formazione completa, che un eBook non può fornire. Hai bisogno di una vera e propria scuola, un’accademia che possa formarti in modo completo, con lezioni inerenti alle tematiche obbligatorie da trattare in tema di Digital Marketing. Sto lavorando proprio a questo… stay tuned! 😉

      SARA IANNONE

      Reply
  2. Pingback: “Google My Business” serve davvero alla tua attività?

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *