Quante volte hai sentito parlare di Copywriting e Blogging come metodi efficaci per incrementare il proprio business online?

E quante volte hai storto il naso con aria poco convinta pensando che si trattasse di un metodo banale, privo di qualsiasi tipo buona riuscita?

Il tempo passa, le mode si sorpassano e anche le tecniche di marketing evolvono in continuazione.

Ma una cosa è certa: le basi sono prive di mutamento, quelle secondo e mediante le quali tutto il resto ha origine.

Qual è una di queste?

Il contenuto, ovviamente.

Content Is The King, mamma mia quante volte viene detto e lo abbiamo letto in giro, a proposito di business online.

Non è vero?

Si tratta, però, di una frase intramontabile e che varrà sempre la pena ricordare.

Il perché, lo vedremo tra poco.

Insomma, la domanda cruciale è: “ma i blog esistono e funzionano ancora? Sono necessari?

Cominciamo a rispondere insieme iniziando dal progresso avuto negli ultimi anni.

Blogging e guadagno online, l’era intramontabile
Come è stato accennato all’inizio dell’articolo, laddove l’epoca del visual sta facendo breccia nei cuori delle persone, viene naturale pensare che il contenuto scritto sia ormai giunto alla fine dei suoi giorni.

La velocità con cui si svolge la quotidianità, l’assenza di tempo e i pensieri ha raggiunto livelli elevatissimi e l’opportunità di prendere fiato è sempre più rarefatta, risultando difficile soffermarsi a leggere qualcosa che ci interessa davvero, preferiamo guardare.

O meglio, vedere.

Siamo in un’epoca in cui ormai tutto ciò che è importante deve essere visualizzato tramite video, stories, foto o tutto ciò che non implica un testo e una noia mortale – secondo alcuni – rappresentata dal classico foglio bianco con dei “segni neri” sopra.

Sovente pensiamo che vi sia l’era degli influencer e basta, ormai.

Dell’apparire che implica il mettersi in paragone, in discussione e “tutti sullo stesso piano”. Potenzialmente almeno.

Ma la realtà è che, nel mondo del Digital Marketing, c’è bisogno di tutto.

Della parte relativa al visual – meno male che esiste – allo storytelling e da quella costituita, invece, proprio da lui: il contenuto scritto.

Questo perché le parole sono in grado di rimanere impresse per sempre e, con il potere delle stesse, si può essere capaci di ottenere realmente ciò che si vuole.

Quando e perchè hai davvero bisogno di un Blog?

Innanzitutto, occorre specificare che non si tratta di un sistema immediato e capace di far guadagnare migliaia di euro in breve tempo.

Come per ogni cosa l’atteggiamento giusto da utilizzare, se si vuole intraprendere questo strumento dalle potenzialità infinite, è quello di munirsi di pazienza, avendo un piano d’attacco concreto, competenze e costanza.

Perché vale la pena aprire un blog?
Perché si tratta dello strumento più completo per consentire che avvenga un fenomeno particolare: quello dell’Inbound Marketing, il più efficace, scientificamente testato.

Cosa significa questo?

Banalmente avere lo scopo di farsi trovare quando la propria utenza lo richiede.

Soddisfare i dubbi, i problemi, le domande, le questioni del nostro pubblico.

Tutto questo è bellissimo, perché invece che andare a tastoni proponendo in maniera invasiva cose che potrebbero non interessare alla maggior parte della gente, si studia, si ricerca attraverso Keywords apposite, ciò che la gente VUOLE sapere.

I bisogni e le necessità.

Si deve essere pronti a voler risolvere le problematiche altrui. In maniera originale, utile davvero e profittevole.

Certo, non è scontato tutto questo, come è stato detto ci vuole strategia, tecniche e competenze specifiche.

“Ma non basta un semplice e statico sito web?”

Ammettilo, te lo stai chiedendo.

È normalissimo domandarselo, perché spesso il primo passo che occorre effettuare è proprio quello di creare la propria piattaforma online che possa rappresentarci a pieno e che possa parlare al posto nostro.

Tendenzialmente, però, sarebbe meglio sviluppare un website che possa contenere anche la sezione blog. A prescindere.

Quando e perchè hai davvero bisogno di un Blog?

Anche se non si ha intenzione di scrivere nell’immediato futuro.

Ecco perché:

– Per prima cosa: perché la verità è che, anche se non sembra, questa piccola zona fa parte del tuo grande biglietto da visita e contribuisce a far conoscere meglio te, certo, ma anche le tue reali capacità.

E consente di instaurare vere e proprie relazioni volte alla risoluzione dei famosi problemi (ti ricordi, quelli che abbiamo citato prima? Ecco, proprio quelli).

– Non solo, la parte relativa il blog migliora anche la SEO del sito web.

Come possiamo pretendere di essere trovati se non innoviamo, aggiorniamo e implementiamo contenuti nuovi? (Google ti ringrazierà per questo!)

– La risoluzione delle complicazioni, infine, è direttamente proporzionata al trovare nuovi clienti. Ebbene, eccoci arrivati alla parte che, probabilmente, ti interessa maggiormente.

Cosa si fa, per prima cosa, quando si ha una difficoltà da risolvere?

Si cerca in rete, ovvio. Come noi anche i nostri potenziali clienti. E vogliamo essere lì pronti a uscire allo scoperto!

Prima di concludere, una cosa che tengo a dirti è la seguente: non ti preoccupare se ti ritrovi ad avere una leggera paura.

Aprire un blog può provocare sentimenti contrastanti come perplessità, entusiasmo, impazienza e scoraggiamento se tutto non dovesse andare come ti sei prefissato.

Ma può anche essere fonte di grande soddisfazione, guadagno e crescita.

Per riuscirci, come precedentemente citato, è necessario darsi da fare, chiedere aiuto a coloro aventi competenze adeguati e attendere, con organizzazione e pianificazione degli obiettivi.

Solo in questo modo potrai ottenere la concretizzazione di ciò che desideri da tempo.

Sara Iannone

(Visited 14 times, 1 visits today)

1 Comments

  1. Pingback:Copywriter, come trasformare la scrittura in lavoro.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *