È il sogno di tutti fare della propria passione un lavoro che permetta di guadagnare e di vivere degnamente.

E il copywriter non è certo da meno.

Fino a qualche anno fa scrivere “per lavoro” era davvero difficile: la scrittura era considerata un hobby, una passione relegata al fine settimana o ai periodi vacanzieri, a volte quasi una perdita di tempo.

Domanda: “Cosa fai nella vita?”,

Risposta: “Lo scrittore”.

Domanda: “Sì, dai, seriamente, cosa fai?”.

Copywriter: l’artista delle parole

Certo, dire di fare lo scrittore nella vita sembrava davvero una presa per i fondelli.

In realtà, chi scrive per mestiere e non a tempo perso oggi può permettersi di vivere di quello.

Gli sbocchi professionali per chi si dedica alla parola scritta sono infatti molteplici e permettono di avere entrate a sufficienza per mantenersi senza fare altro.

Certo, come ogni cosa, anche il mestiere di copywriter va seguito, coccolato, reso importante.

In parole povere, bisogna prenderlo sul serio. Solo così acquisterà reale importanza e verrà considerato come tale anche dal resto del mondo.

Ma quali sono i potenziali clienti che potrebbero aver bisogno di questa figura?

In realtà, oggi più di ieri il copywriter è richiesto da tutte quelle aziende e attività che hanno un proprio sito Internet che contiene al suo interno un blog.

Gli imprenditori, si sa, sono bravi a vendere, ma non sempre bravi a scrivere, ed ecco che entra in gioco questa figura così ambita.

Non sarà semplice, come all’inizio di ogni nuova attività, trovare dei clienti che ti permetteranno di lavorare a pieno ritmo.

Ma vediamo come fare per iniziare con il piede giusto.

Sicuramente non è possibile partire da zero.

Copywriter non si nasce, anzi si diventa. Il primo passo utile è quindi quello di avvicinarsi al mondo della scrittura in generale, lasciando perdere tutto il resto: agenzie di servizi editoriali, case editrici, tipografie ti permetteranno di conoscere i meccanismi del settore e avvicinarti alle figure che lavorano al loro interno.

Non esiste, se si è agli inizi, uno stage che non vale la pena di affrontare, né ruoli o obiettivi che non è giusto accettare.

Quando avrai acquisito abbastanza conoscenze e nozioni di base, puoi pensare allora di metterti in proprio.

Essendo un lavoro che può essere svolto a distanza e dalla propria sede senza alcun problema, necessario (direi obbligatorio) è aprire un proprio sito web, o anche solamente un blog, che parli di te e della tua attività e che permetta alle persone da qualunque parte del Paese di trovarti: chi sei e perché hai deciso di fare il copywriter devono essere solo il primo punto da toccare.

Parla delle tue passioni, di dove vuoi arrivare, di che mezzi hai a disposizione per farlo.

E soprattutto: scrivi, scrivi, scrivi.

Le tue parole sono la miglior presentazione di te stesso.

In sostanza, il copywriter è quella figura che sa scrivere su commissione.

Ma non è sufficiente avere una buona parlantina.

Il “copy”, infatti, deve avere delle caratteristiche fondamentali imprescindibili per poter essere ritenuto indispensabile nella stesura di un qualsiasi testo.

Copywriter, come trasformare la scrittura in lavoro.

  • Grammatica da 10 e lode. È decisamente necessario avere una buona capacità di scrittura, non solo nei contenuti ma anche e soprattutto nella forma.

Conoscere la grammatica, la sintassi, l’ortografia delle parole nonché saper usare correttamente punti e virgole è basilare per un testo ben riuscito e che faccia colpo.

Non ci faremmo mai convincere, infatti, da un testo pieno zeppo di errori – anche solo di battitura dettati dalla distrazione – o che presenti congiuntivi messi un po’ a casaccio.

Questo significa, pertanto, che la prima formazione per un copywriter di successo inizia durante i primi anni di scuola.

  • Inventiva, creatività, innovazione. Sono tre paroline magiche che non devono mai mancare di girare nella testa di un copywriter che si appresti a scrivere un testo.

Non essere banali, cercare di creare contenuti di qualità, che generino interessi e che portino il lettore a condividere i tuoi articoli non è facile, ma con l’esperienza e il tempo è una tecnica che si può affinare facilmente.

Siamo certi, infatti, che più si vive a contatto con la scrittura – leggendo libri, frequentando persone del campo dell’editoria, ma non solo, visitando fiere del settore e leggendo, leggendo, leggendo – più si comprende in che direzione deve andare una scrittura di successo.

Cerca un modello da seguire e prendilo da esempio; poi, da lì, trova uno stile che ti soddisfi e fallo tuo: sarà il tuo segno di riconoscimento.

  • Capire il mestiere prima di intraprenderlo. Ci sono moltissimi copywriter di professione, ormai affermati, che hanno deciso di regalare perle di saggezza a chi questo mestiere di appresta ora a percorrerlo.

Uno dei libri che spesso si vedono sulle scrivanie dei nuovi “copy” è “La parola immaginata” di Annamaria Testa, dove con parole molto chiare e dirette si presentano gli aspetti – teorici e pratici – di questo lavoro tanto ambito: regole, meccanismi e strategie necessarie per inventare una campagna pubblicitaria efficace o scegliere le parole di un titolo; come associare le immagini alle parole o come conquistare il pubblico.

Non sono dei guru, ma sicuramente ne sanno più di te su come affrontare il mestiere. Ricordati che c’è sempre da imparare.

  • Ascolta, prima di parlare. Il bravo copywriter sa entrare nella testa del proprio cliente che spesso – non dimentichiamolo mai – non è così bravo (come noi) con le parole da saper spiegare esattamente cosa vuole.

Per questo spesso ci troveremo a ricevere indicazioni approssimate, indicative se non addirittura fuorvianti, che noi dovremo saper (non “interpretare”, ma) capire.

Cerchiamo di entrare all’interno dell’attività che stiamo seguendo.

Che tipo di azienda è?

Da quanto tempo è nata?

Qual è il suo target?

Come si rivolgono loro ai loro clienti?

Facciamo delle domande precise ai nostri committenti: vuoi un testo formale o informale? Preferisci dare del tu o del lei?

Ti piace più rivolgerti a una massa o al singolo?

Se non sappiamo cosa desidera il nostro cliente, non potremo scrivere un testo che lo soddisferà al 100%.

Questi sono solo piccoli spunti per iniziare una carriera da copywriter con il piede giusto.

Certamente, è bene ricordarsi di fare il proprio lavoro con passione: questo è probabilmente il segreto per ogni attività di successo.

Sara Iannone

(Visited 7 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *